GLORIA CORRADI
versi - testi - raccontini - parole libere - pensieri

IL DONO DELLA SALAMANDRA


Medirbell ogni sera alle 8 in punto cambiava identità.


3 vite in una ... una ragazzina, una donna passionale, una sciamana.
Una salamandra del bosco le diede questo dono senza preavviso e le aveva fatto incontrare Fuoco Bianco, che accendeva i suoi tre volti. Un fuoco che dà luce ...

Giocava e correva tra gli alberi, parlava con le chiocciole, si arrampicava, inventava parole, dava il nome agli alberi, alle stelle ... e quando ne chiamava una, questa scendeva ad illuminare davanti di lei tracciandole la strada. Le stradine di notte erano misteriose ...

Le piaceva richiamare l'attenzione degli esseri del bosco guardarli e danzare per loro e poi si concedeva ma mai nello stesso posto.
Passionale ... amava le atmosfere del proibito, del buio ... vedere gli esseri nell'amore, quello le dava grande soddisfazione ...

Sapeva che abbandonando la mente razionale sarebbe andata in altri stati di coscienza, sapeva che i mondi che crediamo la fuori sono mondi interiori, incontrava qualche personaggio dentro, ora un saggio, ora un folletto, ora un angelo pagano, e quando trovava quel personaggio anche in un'altra persona, quella persona si riconnetteva con una vita nuova, cambiava.


Dopo 9 mesi nel bosco rivide la salamandra, il suo fuoco la spaventò questa volta
... le disse che adesso doveva scegliere un volto solo, le favole finiscono ... oppure devono trasformarsi ...

- Fuoco bianco ha giocato, ha risvegliato il fuoco delle tue tre anime ... l'ho mandato io da te per questo, e lui giocherellone ha vibrato col tuo essere -
A volte aveva una fiammella troppo leggera e a te piaceva farla ... salire ... lui voleva mostrarti una fiamma alta ... per amarti meglio ...
Vi ho uniti dentro un mare creativo, in un treno simolico comune, in una sintonia che vi ha colti all'improvviso ...

Ricordi i rituali ... ? Io ero con voi e vi lasciavo senza fiato ... un corpo solo ... sentivate la vita pulsare, caldi come il fuoco ovunque ... e gli alberi erano così belli ...

- Allora quale volto vuoi tenere? -

- Cara salamandra, non vorrei rinunciare a nulla -
- Allora toglierò a lui la capacità di scrivere ... -

- NO! Questa è la sua bellezza, se non aveva quel fuoco creativo non avrei potuto baciare tutta la sua pelle ... mi sono persa nei suoi infiniti ... lascialo creare libero, cercherò un altro fuoco ... -


Medirbell disse che avrebbe scelto nella notte. Non dormiva, e doveva ricevere aiuto ....
Ad un tratto sentì una mano che la sfiorava ... era l'angelo pagano ...
- ho un idea: dobbiamo convincere la salamandra, non vedo alternative ... forse un modo c'è ... alle 8 domani sera tu sarai la sciamana e ti trasformerai in una fiamma bellissima ...
Così fu ... quando la salamandra stava per toglierle il volto vide una meravigliosa creatura e non capì più nulla ... s'innamorò e la passione unì due fiamme in una ... ma d'improvviso una  si staccò e riprese le sembianze della sciamana .... e la salamandra si sentì morire ...

"Cosa succede? Ho sognato? "
"No, era tutto reale ... eri tanto felice, vero?"

Adesso capiva, che il dono dato non poteva riprenderselo e dopo aver sentito tanto gioia non avrebbe potuto togliere nulla ad altri.

"... ti lascio i tuoi volti per sempre, li userai quando vorrai, ed al Fuoco Bianco aumenterò la sua creatività, voglio che sia così ..."

- Lo sai che potreste scrivere molto, anche tu, ricordi che da bambina lo facevi sotto il grande albero di casa? ... Da voi due usciranno scintille che spargerete nel mondo ...

Lo vuoi metter un finale ad una quasi-favola? disse una voce ...

- ... le persone cambiano e i sentimenti sono onde, ma vedo uno scrittore che fa i cuori felici e leggeri, ed una donna con tanti volti che adesso cammina da sola e ...
- si trovano ancora Medirbell e Fuoco Bianco? Due creature così speciali ... -

Chiedilo alla salamandra ... ogni tanto si addormenta sotto la cenere, poi si risveglia e brucia, chiedilo a lei ...


©Gloria Corradi